la manutenzione delle pergole, guida e trucchi

Manutenzione delle pergole: pulizia e trattamento per mantenerle in buone condizioni nel tempo

Come ogni struttura esposta agli agenti atmosferici, anche le pergole richiedono una manutenzione regolare per mantenere la loro bellezza e funzionalità nel tempo. In questa guida pratica esploreremo i vari aspetti della manutenzione delle pergole, inclusi consigli su pulizia e trattamento del metallo, per garantire alla pergola una lunga durata in condizioni ottimali.

Manutenzione delle pergole: l’importanza della cura periodica

L’alluminio (il materiale principale della pergola) è un materiale di facile manutenzione, quindi non c’è bisogno di usare prodotti o attenzioni particolari. L’unica accortezza richiesta è quella di effettuare una pulizia regolare, fondamentale per preservare la bellezza e il corretto utilizzo del prodotto, prevenendo l’accumulo di sporco, polvere e altri detriti che possono danneggiare la struttura nel tempo.

Come pulire una pergola

Le pergole necessitano di cure adeguate per mantenere la loro integrità. Basta seguire questi semplici consigli:

1. Rimozione della polvere: si deve utilizzare un panno morbido o una scopa per rimuovere la polvere superficiale.

2. Lavaggio: si prepara una soluzione di acqua e detergente delicato e si utilizza una spugna non abrasiva per lavare la superficie metallica.

3. Risciacquo: si risciacqua con abbondante acqua pulita per eliminare ogni traccia di detergente, che potrebbe corrodere il metallo se lasciato a lungo.

4. Asciugatura: si asciuga con un panno morbido per prevenire la formazione di macchie d’acqua o ruggine.

Se la struttura non è particolarmente sporca, per velocizzare l’attività di pulizia, è possibile effettuare un lavaggio con un getto d’acqua non potente e di asciugare la struttura. È sicuramente vietato l’uso di un’idropulitrice su qualsiasi elemento della pergola bioclimatica; si rischierebbe di danneggiarla.

È consigliabile usare l’alcool per rimuovere lo sporco ostinato dai teli in PVC delle pergole a tetto piano di RGM.

Manutenzione del meccanismo meccanico

Se la pergola è motorizzata, la manutenzione della pergola include anche tutto il suo meccanismo. Soprattutto in caso di inutilizzo prolungato è necessario ispezionare le parti meccaniche, le giunture e i meccanismi per individuare eventuali segni di usura o blocchi, così da garantire il corretto funzionamento.

Manutenzione delle grondaie

Quando si effettua la manutenzione di una pergola bioclimatica, occorre controllare le grondaie per rimuovere eventuali foglie secche, rametti e altri detriti. Inoltre si deve prestare particolare attenzione alla pulizia della grondaia e ai relativi canali di scolo; è indispensabile ispezionare questi componenti per eliminare ostruzioni che impediscano il normale e corretto funzionamento.

Manutenzione delle luci della pergola

In caso di presenza di un sistema di illuminazione a LED integrato nella pergola bioclimatica, è sufficiente passare una salvietta o un panno leggermente umido sui faretti per eliminare polvere o residui di sporco.

La manutenzione dei vetri e delle schermature della pergola bioclimatica

Se la pergola bioclimatica è dotata di vetrate per migliorare la protezione dal vento e/o per garantire privacy, è importante dedicarsi anche alla pulizia delle vetrate (sia interne che esterne) e dei binari delle parti scorrevoli. Per la pulizia dei binari scorrevoli, si consiglia di impiegare una piccola aspirapolvere manuale, per rimuovere eventuali detriti, come ghiaia e altri ostacoli. Nel caso in cui le schermature presentino macchie, è possibile pulire con acqua calda saponata e spazzolare delicatamente. Infine, risciacquare le schermature con un getto d’acqua a bassa pressione e lasciarle asciugare.

Manutenzione periodica: con quale frequenza si pulisce una pergola?

La manutenzione della pergola non è un compito da svolgere una tantum, ma un impegno continuo che garantisce la longevità e la bellezza della struttura. Si deve stabilire un calendario di manutenzione periodica, con ispezioni cadenzate.

Una manutenzione minima, che preservi sia l’aspetto estetico che il funzionamento efficiente della struttura, richiede una pulizia due volte l’anno:

  • La prima pulizia dovrebbe avvenire alla fine dell’inverno o all’inizio della primavera, in preparazione delle stagione estiva.
  • La seconda pulizia dovrebbe essere fatta in autunno per rimuovere foglie secche e rametti che potrebbero accumularsi, evitando così problemi di funzionamento, come scarichi intasati.

La frequenza della manutenzione, però, può variare a seconda dell’ubicazione della pergola. Per avere una perfetta, accurata e completa manutenzione, è fortemente consigliabile una pulizia:

  • tre volte l’anno, qualora le pergole siano installate in zone urbane o industriali;
  • quattro volte l’anno, qualora siano installate in zone costiere. 

Durante l’inverno, potrebbe essere necessario rimuovere la neve dal tetto, per evitare il pericolo di accumulo sulle lame orientabili; pertanto è consigliabile lasciare le lame aperte durante le intense nevicate.

Accorgimenti dopo un temporale

Per mantenere la pergola in buone condizioni nel lungo periodo, è consigliabile inclinare le lamelle di 60° dopo un temporale, in modo che l’acqua accumulata scorra liberamente a terra. Successivamente, è opportuno asciugare le lamelle o farle asciugare all’aria durante l’estate. Questi semplici accorgimenti possono contribuire ad allungare la durata delle pergole.

Precauzioni e consigli finali

  1. Copertura protettiva: si consideri l’uso di coperture protettive durante i mesi invernali o in caso di condizioni meteorologiche avverse.
  2. Evitate i pesi eccessivi: mai appendere oggetti pesanti alla pergola, poiché questo potrebbe compromettere la struttura.
  3. Piante rampicanti: in presenza di piante rampicanti sulla pergola, occorre evitare che crescano danneggiando la struttura.
  4. Non utilizzare prodotti abrasivi né detergenti che potrebbero rovinare l’alluminio. Mai utilizzare candeggina o acetone e in generale prodotti acidi.
  5. Utilizzare l’Alcool per rimuovere lo sporco ostinato dai teli in PVC.
  6. Non utilizzare spazzole a setole dure che potrebbero a loro volta danneggiare la struttura.
  7. Non usare getti ad alta pressione.
  8. Quando si usa un getto d’acqua, occorre fare attenzione a non passarlo sul motore.
  9. Mettere regolarmente in moto il meccanismo, tranne nei periodi in cui nevica o la temperatura scende sotto lo zero.

Richiedi un preventivo

Inviaci le tue richieste, un nostro consulente ti contatterà al più presto per proporti le soluzioni più adatte al tuo spazio.

Richiesta preventivo

Contattaci

Via Sibelluccia – Frazione di Curteri – Area P.i.p.
84085 – Mercato San Severino (SA), Italia
T: +39 089 2093263 / +39 089 2093320
F: +39 081 939848

info@rgmitalia.it

Resta in contatto,
iscriviti alla newsletter

SEGUICI SU

Subscription Form

SEGUICI SU